Gli Artenovecento nascono nell’autunno del 2002 da un’idea di Matteo Peraccini. Infastidito dall’ennesima estate fatta di Festivalbar e radio che ripetono gli stessi 5 inutili pezzi in heavy rotation, e desideroso di ascoltare qualcosa di diverso dal beneamato Heavy Metal (di cui tutt’ora si concede una buona razione quotidiana), decide di mettersi un po’ in discussione e misurarsi con qualcosa di sconosciuto: ad esempio la musica italiana d’autore.

E’ incuriosito da una canzone che ha sentito poco tempo prima da un amico della quale ricorda solamente il nome della protagonista: Bocca di Rosa. Dopo una rapida ricerca in Internet scopre che è di Fabrizio De André, nei successivi cinque minuti si autoflagella per l’ignoranza e nella settimana seguente reperisce l’intera discografia.

Un po’ per ozio, un po’ per fortuna Matteo muove i primi passi sul sentiero di Faber. Si documenta in lungo e in largo e alla fine decide che sarebbe un peccato lasciare al caso il compito di fare incontrare De André ai suoi amici e a chi non lo conosce.

Gli Artenovecento sono diretta emanazione di questo desiderio, e nascono pertanto per la necessità di divulgare e ricordare la musica e il pensiero del massimo cantautore italiano. Non c’è intento educativo o interpretativo ma semplicemente quello comunicativo di condividere con quanta più gente possibile una scoperta preziosa, e la convinzione che ascoltare Fabrizio anche solo per un po’ sia un’esperienza che va fatta.

Il primo spettacolo del 22 novembre 2002, si intitola “Io mi dico è stato meglio lasciarci che non esserci mai incontrati..” e contiene esattamente questo spirito di divulgazione senza pretese educative, la convinzione che un tipo come Fabrizio sia come minimo da incontrare.

In varie forme e con vari mix di teatro, poesia, multimedialità e musica il tributo ha sempre mantenuto questo spirito di fondo prediligendo, per quanto riguarda la parte musicale, arrangiamenti delicati e strumenti prevalentemente acustici che lasciano emergere le parole, colonna portante dell’opera deandreana.

Al progetto hanno partecipato, per periodi più o meno lunghi ma ugualmente intensi, tantissime persone che hanno imparato molto l’una dall’altra e alle quali va il merito della crescita degli Artenovecento da piccola idea a grande realtà nel panorama delle tribute band romagnole (che, vale la pena ricordarlo, sono almeno 3, cosa che fa onore alla nostra terra).

Fabrizio si è rivelato un mezzo formidabile di socialità, con i collaboratori, i compagni di gruppo, il pubblico delle età più disparate, un trait d’union che ci permette tutte le volte di superare quello stupido scalino che separa un gruppo dalla platea e di unirsi mentalmente ad essa senza per questo fare massa. Ognuno trova sempre un suo motivo per stare assieme in nome di Faber, perchè ha saputo magnificare le debolezze più svariate, esaltandole invece di censurarle.

Cronologia:

settembre 2002 – Matteo Peraccini (chitarra e voce), Nicola Zamagni (violino), Daniele Cesario (tastiere) e Francesca Baldini (letture) fondano gli Artenovecento.
gennaio 2003 – Gianmaria Baldan (basso), entra a far parte del gruppo
giugno 2003 – Francesco Tappi (basso e contrabbasso) subentra a Gianmaria Baldan
agosto 2003 – il batterista Christian Canducci (Sam Paglia, Caffé Sport Orchestra), comincia a collaborare con gli Artenovecento
febbraio 2004 – Francesca Quadrelli (violino) subentra a Nicola Zamagni
ottobre 2004 – Emiliano Ceredi (Chitarre, Bouzouki, percussioni) si unisce al gruppo
agosto 2005 – Mauro Berardi (batteria) entra in formazione e ci resta fino ad inizio 2006.
estate/inverno 2006 – A causa di impegni lavorativi di molti componenti del gruppo, e della scelta di Francesco Tappi di dedicarsi ad altri progetti, gli Artenovecento si prendono un periodo di pausa.
gennaio 2007 – Grazie al fortunato incontro con Marco e Sandro Frattini gli Artenovecento riescono a ripartire. Marco è un amico di vecchia data nonché collaboratore degli Artenovecento in occasione di un concerto al Teatro Petrella di Longiano. Sandro è la risposta romagnola ad Homer Simpsons e a Jaco Pastorius.
settembre 2008 – Fanno il loro ingresso negli Artenovecento Naomi Sindona e Giordano Giannarelli, rispettivamente ai cori e alla fisarmonica. Due collaboratori coordinati e continuativi che presteranno agli Arte i loro servigi fino al maggio 2009.
giugno 2009 – Fabrizio “Mottarello” Flisi alla “FLISArmonica, entra negli Artenovecento”, alla grandissima.La formazione ottobre 2009 – Claudia Stambazzi (flauto), entra a far parte degli Artenovecento e costituisce con Francesca il famigerato Duo Pirulini. La formazione attuale comprende quindi Matteo Peraccini (voce e chitarre), Emiliano Ceredi (chitarre, bouzouki, percussioni, cori), Francesca Quadrelli (violino e cori), Sandrone Frattini (bassi e contrabbasso), Marco Frattini (batteria), Fabrizio Flisi (fisarmonica), Claudia Stambazzi (flauti e cori).

to be continued…

Has one comment to “Storia”

You can Lascia una risposta or Trackback this post.
  1. Sandro ha detto: 18 luglio 2007 in 00:45

    sei un grandissimo c********
    grazie per le analogie…. e con sommo rispetto (nei rispettivi ambiti..) per entrambi i nominativi citati….

Write a Reply or Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato.